Gambe nude in inverno senza calze, 10 motivi per non farlo

  1. Il freddo. Potrà sembrare banale e scontato, ma il freddo è il primo motivo per non andare in giro con le gambe nude in inverno, perché dovremmo congelarci o prenderci una polmonite in nome di qualche fashion blogger o influencer che non le indossa e le ripudia?
  2. Vi ingannano. La verità non è quella che vedete, non è vero che la gente va in giro a gambe nude, fanno la foto e poi corrono a vestirsi o in un ambiente super riscaldato, infatti, molto probabilmente, quando vediamo star paparazzate a gambe nude è perché stanno uscendo da uno studio televisivo e stanno salendo in limousine.
  3. Ti piace vincere facile. Insomma, voglio proprio dirvi come la penso, abbinare le calze giuste è difficile, con le calze si possono fare veri e propri scivoloni di stile, non metterle è fin troppo facile; mettiamola così, preparare un outfit e omettere le calze rende il lavoro molto più facile a una fashion blogger, stylist o chiunque per lavoro o per divertimento debba mostrare un outfit.
  4. Lo stile italiano. Sì, è vero, ci sono paesi dove le temerarie e abituate abitanti non portano le calze nemmeno in inverno, però, noi siamo italiani, non so se mi spiego, vogliamo davvero prendere consigli di stile da loro?
  5. La storia. Forse non tutti lo sanno, o forse questo concetto è stato dimenticato, la mancanza di calza, prima, era sinonimo di povertà, chi non poteva permettersi le calze disegnava la riga nera (che rappresentava la cucitura) dietro la gamba col carbone per dare l’illusione di avere le calze e sembrare benestante.
  6. Le gambe in inverno sono brutte. Ammettiamolo, in inverno la coscia bianca, la pelle secca e arrossata dal freddo, le venuzze varicose violacee sempre per il freddo, la ceretta che magari non viene fatta accuratamente come in estate, insomma, ma chi ce lo fa fare?
  7. Nella realtà è una cosa ridicola. Quando vediamo un servizio fotografico magari siamo incantate dalla qualità della foto o dalla bellezza della modella o di un capo in particolare, però, pensateci bene, vedere una ragazza con cappotto, pelliccia, sciarpa, guanti, colbacco ecc. e poi con decolletè e gamba nuda o peggio ancora, stivaletto bordato di pelliccia e gamba nuda è una cosa ridicola.
  8. Le decolletè senza calze sono scomode. Nella maggior parte di outfit a gamba nuda le calzature indossate sono solitamente decolletè appuntite con tacco a spillo, fatte rara eccezione di alcuni modelli, la decolletè senza calza fa male, fa malissimo. Saranno pure carine quelle in posa con gamba nuda e decolletè viste in fotografia ma vorrei vederle a camminare coi calli doloranti e i piedi congelati come sogliole.
  9. Rovinate le scarpe. Ci sono scarpe molto belle che durano negli anni, magari esternamente sono nuove, ma dentro? Lo sapete che le scarpe si usurano più all’interno che all’esterno? Una scarpe senza calza si rovina più in fretta e poi con le calze è tutto più igienico.
  10. Il sandalo no. No, il sandalo in inverno è veramente troppo e, badate bene, non vi sto dicendo di mettere il sandalo con la calza, per carità, no, il sandalo no, insomma, se la temperatura o le gambe o i piedi o qualsiasi altro fattore non lo permette, no, non mettete il sandalo.

Volevo ricordarvi che tutto questo vale anche coi jeans completamente strappati o per risvoltini troppo alti, no, non fatelo, se proprio vi piacciono sfoggiateli in primavere.

Annunci

Curiosità e storie dal mondo della moda

Oggi tante curiosità su famose It Bag, parleremo di una borsa che rischiava di non nascere, un’altra destinata originariamente ad altro uso e infine una borsa di Vuitton ideata da Coco Chanel, sono sicura che la conoscete benissimo ma non credo che avete indovinato di quale si tratta. Leggete per scoprire tutto.

La Lariot di Balenciaga, oggi indiscussa It Bag, apprezzata da un ampio pubblico di tutti gli stili e tutte le età, oggetto del desiderio di molte, rischiava di non essere prodotta.

La storia è andata più o meno così, siamo nel 2000 e Nicholas Ghesquière, all’epoca direttore creativo di Balenciaga, aveva appena presentato il prototipo della borsa che era stato scartato, quando, ad una sfilata, le modelle, compresa Kate Moss, la notarono.

La borsa, scambiata per un pezzo vintage, era bramata da tutte le modelle che furono felici quando scoprirono che era un prototipo della maison, l’entusiasmo però si spense in fretta quando scoprirono che non sarebbe mai stata prodotta.

Ghesquière decise allora di farne produrre 25 da regalare alle modelle. Il successo che ha avuto è dimostrato dal fatto che non hanno potuto fare a meno di produrla, ancora oggi è tra le borse più apprezzate e disiderate.

balenciaga lariat kate moss

balenciaga lariat

Balenciaga-black-snake-embossed-leather-First-top-handle-bag

 

Noè, il famoso secchiello di Louis Vuitton, quello che proprio in questo ultimo periodo è tornato di gran moda, in realtà non è nato proprio per farne l’uso che ne facciamo adesso, infatti non fu commissionata da una donna ma da un signore che produceva champagne.

Era il 1932 e la richiesta non fu molto usuale, la borsa doveva essere elegante ma abbastanza robusta e capiente da poter contenere 5 bottiglie di pregiato champagne.

Monsieur Vuitton accontentò il cliente, oggi, la borsa esiste ancora, è di gran moda e in molte varianti, non la usiamo più per mettere lo champagne, ma nel secchiello Noè più grande, ancora in produzione, entrano ancora 5 bottiglie, 4 in piedi e una al centro col tappo rivolto verso il basso.

louis vuitton

Louis-Vuitton-Bag-Fun-Facts-13

louis-vuitton-noé-tela-monogram-borse-da-donna--M42224_PM1_Interior view

 

Molte icone francesi hanno influenzato altri stilisti francesi nel corso degli anni, questo però è forse il primo esempio di una “collaborazione di moda” simile a quelle che conosciamo oggi.

L’icona è lei, Coco Chanel, che nel 1925, commissionò una borsa a Louis Vuitton, quella che oggi si chiama Alma.

All’epoca esisteva solo in versione da viaggio ma Chanel ne chiese una in versione più piccola, un formato da giorno per usarla personalmente.

Nel 1930 Vuitton iniziò a produrle regolarmente, oggi è ancora in produzione, ma questo lo sapete già.

alma

alma1

alma2

alma3

alma4

Per oggi è tutto.

Spero che queste curiosità sul mondo della moda e la sua storia vi siano piaciute.

Le conoscevate già?Fatemi sapere nei commenti.

Se vi appassionano le curiosità e la storia della moda e non avete ancora letto gli altri miei articoli allora andate alla sezione del blog “curiosità” ne troverete tanti altri dove parlo della suola rossa Louboutin oppure della scatolina blue di Tiffany.

Fatemi sapere quale storia vi ha incuriositi di più.

 

 

 

Cosa indossare in primavera col brutto tempo?

Eh sì, ormai siamo in primavera inoltrata, le belle giornate però fanno solo capolino tra giornate di pioggia.

Quando il tempo fa i capricci non sappiamo mai cosa indossare (solo quando il tempo fa i capricci?!?) ma con qualche ispirazione possiamo tirare fuori capi dal nostro armadio che ci salvano il look.

La cosa più brutta di quando il tempo è ancora cattivo in primavera è che con gli abiti estivi possiamo prendere freddo, mentre con quelli invernali proprio non ci sentiamo a nostro agio, e spesso, abbiamo anche già fatto il cambio di stagione (a proposito ecco qualche consiglio per fare il cambio di stagione qui).

La prima cosa su cui concentrarci per sembrare dei freschi boccioli primaverili è affidarci ai colori (qui vi parlo dei colori di tendenza per questa primavera), quindi, un golfino, anche se di lana, in tinte pastello non darà quella sensazione visiva tipo “maglione natalizio” ma vi terrà calde e, magari su una camicetta di seta leggera vi donerà un look super primaverile e bon-ton, completate il look con un bel trench.

Una dritta, se vi piacciono i golfini o comunque in generale possedete maglie o felpe aperte sul davanti non posatele nel cambio di stagione (soprattutto se sono sottili), cercate di tenerle sempre in una “zona neutrale” dell’armadio perché possono servirvi quando avete bisogno di vestire “a strati”.

spring2016 bon ton

 

Se non amate lo stile bon-ton ma siete più delle rock girls in vostro aiuto ci sono le giacche di pelle (o similpelle), ma anche le giacche in denim, entrambe perfette per la primavera.

Un consiglio in più, in primavera sostituite il chiodo nero con uno colorato (il chiodo di Zara sta facendo impazzire tutte) e invece dei biker indossate sneackers bianche o in tela.

spring2016 rock

 

Se siete più sportive un must di questa primavera è il bomber, in raso, con stampe, è perfetto con jeans e sneakers bianche.

sprin 2016 sporty

 

Il bomber in raso è perfetto anche per outfit più ricercati, ad esempio abbinato ad una gonna a ruota, con gli accessori giusti, ad esempio occhiali da sole a gatta, fa subito un look effetto vintage.

spring2016 vintage

 

Capi must have della primavera, secondo me, sono le giacche in pelle, i trench, i capi in denim, le maglie in filo di cotone, le camicette in sete le sneakers bianche e le calze a rete. Ovviamente non tutto insieme. Vi parlo delle calze primaverili qui.

Spero che questo post di oggi vi sia stato utile e che questi outfit vi siano di ispirazione. Un bacio.

Tendeze moda: colori primavera 2016

Ci sono colori che fanno subito primavera, ogni nuova primavera però è diversa da quella precedente, ma ogni anno si sente sempre qualcuno dire “questo colore si porta!”, ma, sarà vero? Possiamo fidarci? Della persona incontrata per caso durante lo shopping non saprei ma di Pantone certamente. Ecco quali sono i colori moda proposti da Pantone per la primavera 2016.
La top ten: Green Flash, Iced Coofee, Fiesta, Lilac Gray, Limpet Shell, Buttercup, Snorkel Blue, Serenity, Peach Echo e Rosa Quarz.
Come avrete notato sono presenti anche i due colori “dell’anno” Serenity e Rosa Quarz.

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

La Top 10 di Pantone non si riferisce solo all’abbigliamento ma anche all’interior design e, perché no, al make up.
Io sono del parere che più della moda conta lo stile ma lasciarsi ispirare dai colori di tendenza per creare outfit nuovi ed originali è sempre un’ottima idea.
A volte si sceglie sempre il nero per “non sbagliare”, oppure capita che ci piace un capo disponibile in varie tinte e non sappiamo quale scegliere, allora la moda viene in nostro soccorso coi colori di tendenza.

Tra i colori moda di quest’anno troviamo classici colori pastello come Serenity, Rosa Quarz e il particolare Lilac Gray, colori che ricordano i classici beige e sabbia molto usati in primavera come Iced Coffee, ma anche colori vivaci e brillanti come Green Flash e Fiesta.
A me piacciono molto i colori di questa stagione, li immagino per trench e maglie di filo da abbinare a jeans e sneackers bianche.

E voi? Quale dei colori Pantone primavera 2016 preferite? Quale è già entrato a far parte del vostro guardaroba?

Top 10 Colors: Spring 2016 Pantone Fashion Color Report – from Pantone.com
http://www.pantone.com/pages/fcr/?season=spring&year=2016&pid=11#rose-quartz
13-1520 Rose Quartz

Top 10 Colors: Spring 2016 Pantone Fashion Color Report – from Pantone.com
http://www.pantone.com/pages/fcr/?season=spring&year=2016&pid=11#peach-echo
16-1548 Peach Echo

Top 10 Colors: Spring 2016 Pantone Fashion Color Report – from Pantone.com
http://www.pantone.com/pages/fcr/?season=spring&year=2016&pid=11#serenity
15-3919 Serenity

Top 10 Colors: Spring 2016 Pantone Fashion Color Report – from Pantone.com
http://www.pantone.com/pages/fcr/?season=spring&year=2016&pid=11#snorkel-blue
19-4049 Snorkel Blue

Top 10 Colors: Spring 2016 Pantone Fashion Color Report – from Pantone.com
http://www.pantone.com/pages/fcr/?season=spring&year=2016&pid=11#buttercup
12-0752 Buttercup

Top 10 Colors: Spring 2016 Pantone Fashion Color Report – from Pantone.com
http://www.pantone.com/pages/fcr/?season=spring&year=2016&pid=11#limpet-shell
13-4810 Limpet Shell

Top 10 Colors: Spring 2016 Pantone Fashion Color Report – from Pantone.com
http://www.pantone.com/pages/fcr/?season=spring&year=2016&pid=11#lilac-gray
16-3905 Lilac Gray

Top 10 Colors: Spring 2016 Pantone Fashion Color Report – from Pantone.com
http://www.pantone.com/pages/fcr/?season=spring&year=2016&pid=11#fiesta
17-1564 Fiesta

Top 10 Colors: Spring 2016 Pantone Fashion Color Report – from Pantone.com
http://www.pantone.com/pages/fcr/?season=spring&year=2016&pid=11#iced-coffee
15-1040 Iced Coffee

Top 10 Colors: Spring 2016 Pantone Fashion Color Report – from Pantone.com
http://www.pantone.com/pages/fcr/?season=spring&year=2016&pid=11#green-flash
15-0146 Green Flash

MilanFashioWeek2016 tendenze autunno inverno 2017

Conclusa la Milano Fashion Week, analizzate alcune tendenze viste sulle passerelle, oggi, vi propongo altri due stili che saranno in voga il prossimo inverno.

Stile militare

Non sto parlando semplicemente di fantasia camouflage, il prossimo inverno giacche e cappotti dal taglio ispirato a divise di ogni tipo e di ogni tempo saranno le protagonisti.

Gli stilisti propongono colori, decori, bottoni e cappelli in stile militare da mixare ad altri stili per un look grintoso e moderno, godetevi la galleri.

Aprite le foto e scorretele, ci sono i nomi di tutti gli stilisti.

Orientale

Passando dalla Russia ispirandosi ad abiti da Zarina, fino ad arrivare in Giappone con sete, ricami, tagli a Kimono e veri e propri abiti da moderna Geisha, non potete far mancare qualcosa che ricordi l’oriente nel vostro guardaroba invernale.

Tutte le foto sono di Imaxtree.com

MilanoFashionWeek tendenze autunno inverno 2016/2017

Avete letto la prima parte di questo articolo dove vi mostro le tendenze per il prossimo inverno con due ampie gallery delle sfilate? No? provvedete subito allora, scorrete in basso o cliccate qui.

Continuiamo, dopo le prime due tendenze svelate nell’altro post ecco cos’altro sarà in voga il prossimo inverno secondo molti stilisti.

Il velluto

Tanto odiato e tanto amato, il velluto negli anni è andato sempre più scomparendo dai nostri armadi e dalle passerelle se non per poche eccezioni, per il prossimo inverno invece torna, fortunatamente non nella versione a coste ma in versione liscia, credo di seta, morbido e luminoso è stato interpretato in molti modi interessanti, sia per look casual che eleganti. Vi lascio la gallery.

Total black

Stile senza tempo, irrinunciabile per molte in inverno, per altre tutto l’anno, vestire di nero non passa mai di moda e gli stilisti lo sanno e propongono per il prossimo inverno look completamente neri resi originali da accessori in colori vivaci, eleganti da trasparenze ad hoc e dettagli luminosi.

Le foto sono di Imaxtree.com fonte sito ufficiale della Camera Nazionale della Moda Italiana

MilanoFashionWeek2016 tendenze per il prossimo inverno direttamente dalle passerelle

Siamo al terzo giorno di Milano Fashion Week, le collezioni per l’autunno-inverno 2016/2017 sono in passerella, sono tante e piene di stili diversi, ma molti particolari, pur se interpretati in modi diversi, sono molto ricorrenti, sveliamoli per scoprire le tendenze del prossimo inverno.

Colore

Sulle passerelle milanesi troviamo tantissimo colore, la cosa originale è che per la stagione invernale sono proposti colori vivacissimi, il giallo e l’arancio forte, ad esempio, che negli ultimi anni sono stati protagonisti delle nostre estati diventeranno protagonisti dei nostri prossimi inverni.

Pellicce

Non mancano le pellicce, ci faranno compagnia anche il prossimo inverno e saranno di ogni tipo, ecologiche, vere a fantasia, colorate,addirittura a pois, lunghe corte ricamate o maculate, voluminose o a pelo raso.

Oltre alle vere e proprie pellicce troviamo nelle collezioni cardigan, giacche e cappotti in lana o altri materiali lavorati ad effetto peloso.

Visto che siamo solo al terzo giorno questo articolo potrebbe essere aggiornato, quindi tornate a dare un’occhiata, inoltre leggete qui la seconda parte del post con altre due tendenze.

Tutte le foto sono prese dal sito della Camera Nazionale della Moda Italiana e sono di Imaxtree.com