Milano Fashion Week collezioni autunno/inverno 2015/2016 day3 Aigner – Versace – Nicholas K

La sfilata Aigner mi ha fatto pensare al film d’animazione Frozen, in particolare al bustino dell’abito che Anna indossa per andare in montagna, sembra proprio questa, infatti, l’ispirazione, la montagna, il bosco e i paesi freddi.

I colori chiari e le tonalità di verde, le pellicce e i colbacchi, i pompon in pelliccia, fanno subito pensare a paese nordici, lontani.

La collezione è di grande eleganza, ci sono sia look da giorno che da sera, grazie all’uso di molti diversi tessuti e materiali sono presenti sia capi morbidi e fluidi, sia capi più strutturati.

Pizzi, pellicce, frange e pompon impreziosiscono gli abiti, alcuni sono proposti in colori tenui, altri in colori più decisi come il verde e il marsala.

Gonne e pantaloni sono a vita alta, gli abiti evidenziano il punto vita e accompagnano la silhouette mentre maglie e capispalla sono più morbidi o voluminosi.

Molto interessanti le borse proposte.

aigner

aigner2

aigner3

 

 

La nuova collezione Versace si allontana un po’ dallo stile proposto negli ultimi anni.

Di Donatella, mantiene femminilità e sensualità, invece, i colori accesi, le fantasie psichedeliche e i loghi vistosi e multicolore ricordano molto le collezioni che Gianni proponeva tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90, fino alla sua scomparsa.

I colori vivaci sono presenti in tutta la collezione, sia in look monocromatici, sia in abiti a blocchi di colore, sia in loghi e scritte che decorano abiti neri, è molto presente anche il motivo greco che incornicia la testa di Medusa nel logo della maison.

versace1

versace2

versace3

 

 

Molto originale e fuori dagli schemi gli abiti proposti da Nicholas K, ricchi di stile, trovo che le ispirazioni siano varie, ma tutte dell’inizio del secolo scorso.

I copricapo e gli occhiali ricordano molto quelli degli aviatori dei primi del ‘900 e sono accostati a look total black.

Gli abiti più eleganti e femminili, invece, ricordano gli anni ’20 e il charleston ma sono reinterpretati in chiave moderna.

Altri outfit più particolari sembrano essere ispirati agli abiti del passato delle zone fredde dell’Asia.

La collezione è un mix di capi sensuali, leggeri e con giochi di trasparenze alternati a capi dall’aria più strong, casual e confortevoli.

nk

nk1

nk2

 

 

foto Imaxtree

 

Milano Fashion Week collezioni autunno/inverno 2015/2016 day2 Fendi – Just Cavalli – Anteprima

Fendi, come al solito ha proposto qualcosa di bello ed originale, pur mantenendo il suo stile fedelmente.

La collezione proposta è una perfetta armonia tra la moda anni ’70 e lo stile di sempre di casa Fendi.

Sono presenti look total white, ma anche a blocchi di colore e ancora “a blocchi di tessuto”.

I colori prevalentemente usati cono colori caldi che, in alcuni look, accostati al bianco o al nero li fanno risaltare rendendo l’outfit nel complesso molto luminoso.

Particolari anche i piumini proposti, alcuni a fantasia, altri che erano degli abitini altri con tagli fuori dal comune.

La cosa che amo di più, però, sono le borse, i classici must have di Fendi rivisitati.

fenditw

fendiblocchi

fendipium

 

 

La collezione Just Cavalli presenta i tipici trend 2015, e cioè la forte presenza dei toni di color marsala e gli stili degli anni ’70.

Poco presenti le stampe animalier, tipiche della maison, quasi celate in colori insoliti. Non mancano, però, altre stampe e fantasie, troviamo infatti sia raffinati motivi tono su tono, sia decori a contrasto che accompagnano la silhouette del corpo.

I capispalla voluminosi e le borse piccole rendono i look molto raffinati.

Gli abiti lunghi sono tutti in tessuti impalpabili.

justcavalli

justcavalli2

justcavalli3

 

 

Per il prossimo autunno/inverno Anteprima propone una collezione ricca di gonne e capispalla.

Le gonne sono quasi tutte longuette ma proposte in diverse forme, tagli e tessuti, i capispalla sono molto voluminosi e avvolgenti.

I toni utilizzati vanno dal blu al nero al grigio, come unica fantasia troviamo il tartan.

Nei look le proporzioni sono dettate dai volumi e dalle consistenze dei diversi tessuti.

Lo stile è molto sobrio e chic.

anteprima1

anteprima2

anteprima3

 

foto Imaxtree

Milano Fashion Week collezioni autunno/inverno 2015/2016 day1 Chicca Lualdi – Luisa Beccaria – Gucci

Chicca Lualdi propone una collezione dalle linee raffinate e a tratti quasi “monacali”.

I capi sono resi originali dall’uso di tessuti diversi fra loro, troviamo infatti splendidi accostamenti di tessuti lucidi e opachi, e dalle applicazioni in pelliccia.

chicca lualdi

chicca lualdi1

chicca lualdi2

 

La collezione di Luisa Beccaria è quella che più mi fa sognare, a prima vista ti riporta indietro nel tempo agli anni ’20-’30, poi guardando meglio, sembra aver preso tutto il meglio dello scorso secolo, i tagli più raffinati dagli anni ’20, passando per gli anni ’50, fino algi anni ’80.

Il risultato è un viaggio nel tempo elegante e raffinato che valorizza chi indossa gli abiti, donando un’aria  regale.

luisa beccaria

luisa beccaria3

luisa beccaria2

 

 

Gli abiti che Gucci propone per la donna sono più o meno gli stessi proposti per la sfilata moda uomo(se vi è sfuggita ne ho parlato qui), e infatti ogni tanto passava pure un uomo.

Lo stile era quindi lo stesso proposto per gli uomini e cioè un mix di capi anni ’70- ’80 “montati” in look androgini.

Alcuni capi presi singolarmente mi sono piaciuti, non ho gradito l’interpretazione, in base allo stile scelto mi sarei immaginata uno show più giocoso, mentre era tutto molto serio e cupo, quasi triste.

Per quanto riguarda gli accessori ho gradito molto le borse a “cartella” dall’aria molto vintage, mentre non ho gradito le scarpe/ciabatte pelose,

guccid

guccid2

guccid3

foto Imaxtree su Camera Nazionale della Moda Italiana

Milano Fashion Week collezioni autunno/inverno 2015/2016 day1 Stella Jean – Genny – Simonetta Ravizza

Stella Jean è stato amore a prima vista, non c’è un capo che non mi piace, è tutto in linea con le tendenze 2015, ma ciò che più importa, è tutto nello stile della designer.

Vi dico la verità, ho avuto un paio di deja-vu, però, per il resto, era tutto interpretato in modo unico, le forme, le proporzioni, i colori, tutto assolutamente folle eppure, tutti i capi si amalgamavano e si fondevano alla perfezione nei look.

Nelle collezioni di Stella Jean, in generale, si possono notare le contaminazioni di molte culture tutte legate insieme sartorialità italiana e dal talento della stilista, tutto questo è presente anche in questa collezione.

stella jean

stella jean2

stella jean3

 

Genny è un marchio tornato da poco in passerella ma che è stato ben accolto, con questa collezione ha saputo proporre capi e forme per tutti i gusti e le occasioni, per il giorno e per la sera, fondamentalmente classici ma rivisitati nella forma e nei tessuti.

La collezione è in linea con le tendenze e propone diversi stili per diverse donne.

genny1

genny2

genny3

 

Simonetta Ravizza propone pellicce, montone e pizzi che giocano con tessuti più tecnici. In questa collezione si gioca molto sulle consistenze e i volumi dei tessuti più che sulle forme.

La collezione è ricca di abiti per più occasioni, comprese le vacanze sulla neve, e per un ampio range di età ma non di stili.

simonetta ravizza1

simonetta ravizza2

simonetta ravizza3

 

foto Imaxtree su Camera Nazionale della Moda Italiana