Errori make up viso, i 5 errori più comuni

beauty skin

 

Io mi occupo poco di beauty ma ci tenevo a fare questo post perché leggendo tra i commenti sui social o in forum oppure ascoltando discorsi in profumerie mi rendo conto che piccoli dettagli di base del make up per alcune sono completamente sconosciuti e incomprensibili, anzi, falsi miti sul trucco continuano a vivere e diffondersi.

  • Errore: Usare il fondotinta per dare colorito al volto.
  • Soluzione: Il fondotinta serve per uniformare l’incarnato, preparare la pelle ad accogliere gli altri prodotti e coprire “qualche imperfezione”, quindi deve essere dello stesso colore della pelle,(qui un articolo sul fondotinta con tantissimi consigli utili per sceglierlo e applicarlo),il colorito al volto si da col blush (o fard, chiamatelo come più vi piace) o al limite con un po’ di terra abbronzante applicata in punti strategici e ricordate sempre di sfumare bene(qui la guida per un contouring dall’effetto naturale).
  • Il trucchetto in più: provate il colore nella zona tra il viso e il collo e non sulla mano.

 

  • Errore: Applicare un correttore chiaro per “schiarire” le occhiaie.
  • Soluzione: Il correttore per le occhiaie deve essere del nostro tono di pelle o magari leggermente più scuro,perchè deve “coprire” le occhiaie, non deve essere mai più chiaro, ottimale sarebbe utilizzarne uno a base arancione, sui toni del pesca, in modo da coprire l’alone violaceo.
  • Il trucchetto in più: usatelo dopo il fondotinta e sfumatelo “picchiettando” con una spugnetta leggermente inumidita con acqua termale spray.

 

  • Errore: Mettere troppo fondotinta cercando di coprire tutte le imperfezioni.
  • Soluzione: Cercate sempre il fondotinta che più vi piace e più si adatta alla vostra pelle, sia tipo che tonalità, poi utilizzate un correttore per coprire le imperfezioni solo dove serve; non serve fare una  maschera pesante se non ce n’è strettamente bisogno come nel caso di servizi fotografici o gravi imperfezioni da nascondere.
  • Il trucchetto in più: se volete un effetto molto naturale partite dal centro del viso e sfumatelo gradualmente, a volte non c’è nemmeno bisogno di stenderlo su tutto il viso.

 

  • Errore: Utilizzare lo stesso correttore per occhiaie e imperfezioni.
  • Soluzione: In realtà questo non è un errore grave, anzi, per chi ha poche occhiaie o la pelle giovane potrebbe andare anche bene utilizzare lo stesso, ma, per un risultato impeccabile utilizzate un correttore più liquido e dai toni arancioni/pesca per coprire le occhiaie e uno più simile al tono della vostra pelle e più secco per coprire macchie o brufoli.
  • Il trucchetto in più: sulle imperfezioni spesso è importante fissare il correttore con la cipria, mentre nel contorno occhi non sempre lo è, infatti alcune ciprie potrebbero far andare il correttore nelle pieghe, testate sempre prima due prodotti se insieme funzionano oppure no.

 

  • Errore:Applicare la terra abbronzante su tutto il viso.
  • Soluzione: La terra abbronzante può essere applicata in due modi, se è opaca per scolpire il viso, quindi sotto gli zigomi o su lineamenti pronunciati, mentre, se è quella luminosa va utilizzata solo sulle zone del viso che solitamente sono più esposte al sole, in ogni caso non usatene una troppo arancione, il risultato sarà un bellissimo effetto pelle baciata dal sole.
  • Per evidenziare ancora di più l’effetto pelle abbronzata usate anche un po’ di illuminante.

 

E voi? Siete tra le convinte di alcune di queste “abitudini”? Quale di questi errori commettete? Quale invece non avete mai commesso? Avete qualche altra soluzione? Fatemi sapere nei commenti.

 

 

 

Annunci

Make up, the first step:il fondotinta

Una pelle perfetta, luminosa, senza macchie, brufoli o pori dilatati è il sogno di tutte ed è anche sinonimo di bellezza, non tutte però sono fortunate o comunque anche la  pelle più bella non è perfetta ogni giorno.

Le cose che ci vengono in soccorso sono tre, i trattamenti dal dermatologo, le creme di bellezza e il make up.

Parleremo di quello che più usiamo il make up.

Io personalmente non amo usare il fondotinta e preferisco lasciare il viso il più naturale possibile, ma, in base al tipo di pelle, alle esigenze e ai gusti personali ci sono molti modi di “preparare” il proprio viso, o la propria base per il trucco. Ci sono molte persone che amano che la base sia molto naturale, altre che vogliono un effetto più visibile. Attualmente ci sono tantissimi prodotti di ogni genere e quindi tutte possono essere accontentate.

Come ho già scritto nell’articolo “proteggere l’involucro” la prima cosa da fare è curare la pelle ed usare i prodotti adatti. Io quando mi trucco procedo così, sistema in tre fasi Clinique per la pulizia del viso, dopo aver steso bene la crema idratante metto un po’ di siero per stringere i pori, sempre della Clinique ma lo applico solo nelle zone dove ce n’è bisogno, ora, il prossimo step è molto variabile, a volte è il fondotinta, altre volte la cipria, altre la terra abbronzante. In genere, se devo uscire ed è inverno, metto il fondotinta liquido, per tutti i giorni uso la cipria o il fondotinta minerale e in estate solo un po’ di terra abbronzante, giusto per dare un po’ di luminosità, poi copro le occhiaie e le imperfezioni col correttore.

I fondotinta in commercio sono principalmente liquidi o in polvere che può essere libera o compatta, ma esistono anche in crema, in gel, in stick, in crema effetto cipria, in mousse e ultimamente ce ne sono alcuni molto liquidi quasi acquosi, li fanno la L’Orèal e Armani. Alcuni sono molto coprenti altri meno e generalmente i liquidi vanno bene per le pelli secche, mentre quelli in polvere minerale o i liquidi oil-free sono adatti per le pelli grasse. Oltre al tipo di prodotto anche il metodo di applicazione può cambiare l’effetto finale. Applicandolo con il pennello il risultato è più marcato, con la spugnetta si può sfumare meglio quindi è più naturale e con le mani possiamo ottenere vari risultati visto che riscaldano il prodotto e possono raggiungere ogni zona del viso. Qualsiasi modo di applicazione usiate dovete stendere sempre il fondotinta verso il basso in modo da non fare il “contropelo” alla peluria del viso.

Attualmente io sto usando proprio Eau de teint, nude magique, l’orèal numero 120, quindi molto chiaro perchè io ho la carnagione molto chiara. Mi piace perchè è molto leggero e la coprenza, anche se è bassa è sufficiente per me. Se voglio una coprenza maggiore applico sopra un fondotinta minerale, altrimenti fisso tutto con una cipria trasparente, se è estate invece fisso con una terra, di solito la Glam Bronze di L’Orèal per bionde. La terra non va applicata su tutto il viso, ma solo sulle zone più esposte al sole, per creare un effetto che sembri una vera abbronzatura, quindi va su fronte, naso e parte alta delle guance.

Molto utile è avere un fondotinta molto coprente da usare solo per le occasioni.

Una cosa molto importante, oltre a scegliere quello adatto al tipo pelle, è scegliere il giusto colore, per provarlo va applicato sul viso e non sul dorso della mano perché di solito le mani sono più scure del viso e dopo l’applicazione aspettate qualche minuto prima di guardare il risultato perché l’acidità della pelle può modificare un po’ il colore. L’ideale sarebbe avere due tonalità di fondotinta una chiara per l’inverno e una leggermente più scura per l’estate, da mischiare nelle stagioni intermedie. Non bisogna mai scegliere un colore più scuro per essere più colorite, il colore si da col blush. Il blush va abbinato al rossetto che a sua volta deve essere in armonia col trucco degli occhi. Oltre a vedere se la pelle è chiara badate anche al sottotono, cioè, se la vostra pelle è di tono caldo o freddo, di conseguenza scegliete colori caldi o freddi, io sono fortunata, il mio sottotipo è neutro.

Ricapitoliamo, scegliete la texture del prodotto in base al tipo di pelle, cioè secca o grassa o mista e alla coprenza desiderata; scegliete molto attentamente il colore in base sia al tono, chiaro o scuro, che al sottotono, freddo, caldo, neutro; scegliete come applicarlo; applicatelo stendendolo verso il basso.i prodotti che uso