winter is back

winter in back

look del giorno con il colore del giorno Pantone SIERRA abbinato ad accessori color corallo

look del giorno con il colore del giorno Pantone SIERRA abbinato ad accessori color corallo
Questo outfit è un classico outfit primaverile, ma allo stesso tempo particolare, la particolarità è data dal fatto che unisce abiti molto semplici ad accessori più particolari ma comunque di forma classica.
L’abito è uno di quelli che sta bene un pò a tutte, infatti la gonna è scampanata e può nascondere fianchi larghi o gambe grosse, la manica non è molto corta e fa risaltare il punto vita. L’abito è accollato, quindi abbastanza austero allora ho deciso di rendere la zona decolletè più vivace con una collana vistosa e in una tinta che risalta bene sul vestito. Le scarpe e la borsa sono entrambe di forma molto classica( la borsa infatti ricorda l’iconica Chanel 2.55)ma rese originali dal colore, insolito anche se delicato ed abbinabile.
Il pezzo più interessante dell’intero outfit sono sicuramente gli occhiali, i Fendi Iridia, li abbiamo visti sulla passerella, sono decorati da enormi Swarovsky e vengono venduti in esclusiva nelle boutique Fendi al modico prezzo di 400 euro.
Il look è poi completato da un trench molto classico in un colore che si avvicina molto a quello suggerito oggi da Pantone, ma anche al classico color sabbia e una sciarpa in lana e seta, quindi calda ma leggera in fantasia tartan.

Summer Colors: Yellow

Summer Colors: Yellow
L’estate scorsa ero stata invitata al matrimonio di miei cari amici, siccome lo avevo saputo con largo anticipo avevo immaginato quello che volevo  mettere senza aver visto quello che c’era nei negozi. Il vestito che volevo era come questo:

Blake Lively

Blake Lively

quindi giallo, lungo, morbido e avevo pensato di abbinarlo ad accessori blu elettrico o fuxia.

Cercai in molti negozi, ogni volta che entravo e chiedevo un abito giallo le commesse storcevano il naso o mi guardavano come se fossi stata un alieno.

Insomma, alla fine io l’abito giallo non l’ho trovato, però, quest’anno posso avere la mia rivincita con quelle persone che nella moda lavorano ma della moda non capiscono un tubo. L’abito lungo giallo è di grande eleganza per il giorno perché è un colore luminoso, e soprattutto, è consono vestire colorati ad un matrimonio, non in bianco come la sposa, non in nero come ai funerali.

Ecco alcuni abiti delle collezioni di alta moda per la primavera estate 2014:

Alexandre Vauthier

Alexandre Vauthier

Zuhair Murad

Zuhair Murad

 

Zuhair Murad

Zuhair Murad

 

Vionnet

Vionnet

 

Stèphane Rolland

Stèphane Rolland

 

Stéphane Rolland

Stéphane Rolland

 

Stéphane Rolland

Stéphane Rolland

 

Schiaparelli

Schiaparelli

 

Gianbattista Valli

Gianbattista Valli

 

Elie Saab

Elie Saab

 

elie Saab

elie Saab

 

Atelier Versace am

Atelier Versace

Atelier Versace

Atelier Versace

 

Alexandre Vauthier

Alexandre Vauthier

 

Alexandre Vauthier

Alexandre Vauthier

Gli abiti di alta moda sono stupendi, ma non sempre portabili nella vita di tutti i giorni, come ho già detto possiamo prendervi ispirazione per un matrimonio o un’occasione importante ma, è molto bello vestirsi bene tutti i giorni e, se un colore ci piace ma non ce la sentiamo di osare con un total look o un abito a tinta unita allora possiamo indossare tessuti a fantasia che contengano anche quel colore o semplicemente usare borse, scarpe e accessori di quel colore, come hanno proposto molti stilisti nelle collezioni primavera-estate 2014:

Roksanda Ilincic

Roksanda Ilincic

 

John Galliano

John Galliano

 

John Galliano

John Galliano

 

Jenny Packham

Jenny Packham

 

Jenny Pakham

Jenny Pakham

 

Hermès

Hermès

 

Ermanno Scervino

Ermanno Scervino

 

Christian Dior

Christian Dior

 

Christian Dior

Christian Dior

 

Chanel

Chanel

 

Chanel

Chanel

 

Céline

Céline

 

Céline

Céline

 

Burberry Prorsum

Burberry Prorsum

 

Burberry Prorsum

Burberry Prorsum

 

Blumarine

Blumarine

 

Blugirl

Blugirl

 

Amaya Arzuaga

Amaya Arzuaga

 

A Lab Milano

A Lab Milano

 

Aigner

Aigner

 

Aigner

Aigner

 

Blugirl

Blugirl

Il giallo non è un colore molto facile da portare, sia perché non piace a molti e quindi è poco usuale, sia perchè una tonalità di giallo non adatta alla tonalità di pelle di chi indossa il vestito può far apparire troppo pallide o peggio ancora spegnere il colore degli occhi e dei capelli. Se si decide di indossare un abito giallo quindi, bisogna cercare attentamente la tonalità giusta, solitamente a chi ha la carnagione scura sta molto bene il giallo, qualsiasi giallo, però è meglio se opta per tonalità del giallo più calde, mentre le bionde, possono scegliere un giallo “canarino” o un giallo limone, quindi più freddo. Se proprio vedete che il giallo vi spegne il viso allora mettete magari una gonna gialla e una maglia di un colore che vi dona di più.

Personalmente abbino il giallo “caldo” al bianco o al nero, mentre mi piace abbinare il giallo limone a colori come il blu, il viola o colori fluo tipo il fuxia, quindi “freddi”.

 

 

 

Scarpe, shoes, chasseurs, zapatos, pantofi, schuhe, …vi amo in tutte le lingue del mondo

Io sulle scarpe sono una vera giocoliera, mi destreggio col tacco dodici su qualsiasi terreno, riesco ad avere sempre una bella camminata, a sembrare instabile ma senza cadere, è un dono, sono fortunata ma anche “allenata”.

Per me le scarpe sono sempre state una mania, fin da bambina, ricordo che ogni estate facevo i capricci per avere un paio di sandali dorati, e avevo solo 3 anni. Mia madre mi racconta che una volta dovevamo andare ad una festa e lei mi aveva comprato un bel vestito bianco con delle grandi rose blu elettrico, quando dovemmo andare a prendere le scarpe io mi portai dietro il vestito per prendere le scarpe del giusto blu e avevo solo 4 anni. Alle scuole medie, poi, mettevamo tutti le scarpe da ginnastica e io avevo sempre le più eccentriche. Ho sempre posseduto scarpe belle e di qualità e quindi è grazie ai miei genitori se ora non sbaglio mai nell’acquistare scarpe, sono diventata una vera “cacciatrice di scarpe”.

Io sono una grande predicatrice dell’acquisto intelligente perché i soldi sono pochi ma non voglio rinunciare mai alla qualità e nemmeno ad avere un vasto guardaroba. Adoro la mia collezione di scarpe, ne ho circa 50 paia, e non sono più di 3 quelli che ho comprato a prezzo pieno, le compro sempre in saldo, sempre made in italy e sempre di ottimi materiali. 

Scegliere bene le scarpe non è facile, anche perché la maggior parte delle volte siamo tentate dall’estetica e non badiamo alla comodità. Ho notato che ci sono persone che comprano scarpe col tacco solo per le grandi occasioni e non le mettono mai perché, magari hanno fatto un cattivo acquisto e danno per scontato che le scarpe col tacco siano scomode, invece, ciò che bisogna fare è provare, provare e riprovare scarpe fino a trovare quella comoda, ovviamente non lo sarà come una scarpa da ginnastica ma almeno ci permetterà di camminare senza risultare ridicole o ferirci i piedi.

Vi regalo la mia mini guida pratica, seguite queste semplici regole:

  • toccate le scarpe: la pelle della tomaia deve essere morbida;
  • girate le scarpe: la suola deve essere in vero cuoio o meglio in materiale antiscivolo, (mai comprare quelle scarpe con la suola in finto cuoio fatto di plastica dura, potreste scivolare);
  • oltre all’altezza del tacco guardate l’inclinazione della scarpe, è facile, basta vedere la distanza tra il plateau e il tacco, se sono molto vicini la scarpa e molto inclinata e vertiginosa—> per le esperte; viceversa se sono distanti il piede non starà molto inclinato e la scarpa risulterà molto più comoda e soprattutto non vi verrà il mal di schiena, queste sono quelle che preferisco;
  • le scarpe col plateau sono molto più comode, sia perché riduce l’inclinazione del piede, sia perché è una sorta di ammortizzatore tra il piede e il pavimento;
  • non comprate mai scarpe di un numero che non sia il vostro, se sono di un numero in più dopo un po’ si allargano e non potete più metterle se sono di un numero in meno, se il piede si gonfia inizieranno a far male; piccolo trucchetto: se di una scarpa il vostro numero è troppo grande o troppo piccolo, vuol dire che quel modello non è adatto a voi, non cambiate numero, cambiate modello;
  • quando portate delle scarpe eleganti e alte a casa prima di indossarle per uscire mettetele in casa per qualche ora e fatelo per due o tre volte, quando uscirete avranno già preso la forma e potrete indossarle anche per un’intera giornata; se sono un po’ strettine mettetele per qualche volta in casa con dei calzini di spugna;
  • per la vita di tutti i giorni scegliete i tacchi ma che non siano a spillo e nemmeno vertiginosi, in modo da conciliare comfort ed estetica;
  • prediligete il made in italy e le aziende che lavorano in modo artigianale;
  • se avete il 37 come numero chiedete sempre se hanno dei “campioni”, voi si che siete donne fortunate;

Le mie marche preferite sono: Albano, Casadei, Sergio Rossi, Gianvito Rossi, Salvatore Ferragamo, Gucci, ma anche Guess by Marciano, Christian Louboutin, Manolo Blahanik e Jimmy Choo.

Ovviamente queste sono scarpe molto costose ma molte aziende italiane ne producono di simili sia per modelli che per qualità a prezzi più accessibili (come ad esempio Albano), bisogna solo cercarle.shoes