No, no, no, non vi sopporto più

Ci sono delle cose che ci mandano in bestie, delle cose che proprio non sopposrtiamo, delle cose che siamo stufi di vedere.
Ecco le cose che più spesso si vedono sui social e che proprio non sopporto:
– I costumi a fascia, tutte l’estate scorsa hanno postato almeno una foto indossando questo tipo di costume, Chiara Biasi ha addirittura fatto un’intera collezione di costumi tutti dello stesso modello, io lo odio, primo perché non sta bene quasi su nessun tipo di seno, secondo perché non fa abbronzare il decolletè. Io proprio non capisco perché tutte lo amano e tutte lo vogliono.
– Le scarpe della Ferragni, si, lei che ha l’opportunità di indossare capi di lusso,  non so perché sceglie sempre scarpe orrende, le sue scarpe, nonostante le famose griffe, proprio non si possono guardare.
– I selfie con la bocca a c..o di gallina, perché mi chiedo? Perché? Vi sentite più belle?  Avete mai visto modelle sulle riviste in quella posa? No! E allora perché?
– Le troppe review su tutto, si è vero,  le recensioni sono una cosa utilissima, ma fino a un certo punto, ad esempio, molto spesso non vengono fatte in modo obiettivo e oggettivo, ma vengono fatte in base a gusti personali. Poi ci sono prodotti che non dovrebbero proprio essere recensiti, come ad esempio quelli per capelli, perché ognuno ha cute e capelli diversi.
– Non sopporto quelle che ogni giorno postano tanti look su Pose e alla fine hanno tutti vestiti H&M, Bershka, Stradivarius o robe simili, che senso ha comprare quintali di vestiti scadenti solo per fare delle foto?
– Le superphotoshoppate, selfie photoshoppati, tutorial make up photoshoppati ecc ecc, finte come i reality che guardano.
– Lo scatto in spiaggia con gambe in posa wurstel, tra poco li rivedremo…

E voi? Cosa odiate tra le cose che spesso vedete in giro sui social o sul web?

Scelte di stile ss14

Come diciamo sempre, “la moda passa, lo stile resta”, ma a volte è anche bello cambiare stile, magari nei periodi di vacanza, magari per la bella stagione, per divertirci, per rinnovarci, per giocare con la moda o semplicemente perché ci va.

Andando in giro per negozi, mi sono fatta un po’ di idee sugli stili con cui divertirci in questa primavera, estate, sia guardando le vetrine, sia valutando quali dei miei outfit (di vecchie collezioni) sono stati più apprezzati.

COWGIRL

Per uno stile da perfetta cowgirl i protagonisti del look sono sicuramente gli stivali modello “camperos”, molto pratici e comodi, che siano alti o bassi, lunghi o alla caviglia, non mai “fuori moda”, io li definirei quasi un classico, stanno bene sotto vestitini, pantaloncini, mini gonne e gonne lunghe, ma vanno benissimo anche con jeans o leggings.

I vestitini più adatti sono a pois a fiori o comunque a fantasia, magari con la gonna un po’ svasata all’orlo. I pantaloncini e le minigonne devono essere rigorosamente in denim e per le gonne lunghe meglio scegliere quelle larghe e morbide, a magari a pieghe, sia a tinta unita che a fantasia. Anche le camicie in jeans (must di questa primavera estate) o a quadretti fanno subito cowgirl e per le amanti dei dettagli scegliete capi con inserti all’uncinetto.

In primavera, quando ancora non fa molto caldo, con questo look sono molto adatte le calze in microrete color carne. Occhiali a goccia e borsa a tracolla completeranno l’outfit.

Brand che adottano spesso questo stile sono Marlboro Classics, Replay e Levi’s.

y

 

 

CALIFORNIA GIRL

Lo stile Californiano è lo stile giovane ed estivo per eccellenza, fatto di colori vivaci e capi “minimal”, nel senso che coprono il minimo indispensabile.

E allora via a bikini colorati, fantasie con palme, shorts cortissimi e ombelico al vento, ma anche ricami e top all’uncinetto.

Per essere una perfetta california girl bastano degli infradito o delle scarpe di tela molto basse, rigorosamente colorate o bianche, niente nero o colori cupi, una t-shirt con stampa fa al caso vostro se non volete scoprire la pancia, altrimenti via con microtop o microcanotte, top traforati e maglie che lasciano scoperte le spalle, da abbinare a microshorts. Per quanto riguarda i vestitini sono adatti quelli micro a sottoveste o quelli attillati a canottiera, la regola è una, gambe scoperte e abbronzate.

Questo look si completa con un must di questa stagione, gli occhiali a specchio.

Brand famosi per questo stile sono Hollister e Abercrombie.

y

 

MODA CAPRI/POSITANO

Un’altra fonte di ispirazione intramontabile per i look estivi sono i nostri luoghi italiani di mare e vacanza, come ad esempio Capri o Positano. Vero must sono i sandaletti di cuoio fatti a mano, i pantaloni da sopra la caviglia e gli abiti in lino. Per questo stile i colori sono più “seri” predominano infatti il bianco e il blu, i tessuti devono essere ricorosamente naturali e leggeri come lino e cotone e il piede, nei mitici sandali, è quasi nudo.

I pantaloncini non devono essere mai troppo corti, questo stile non è mai volgare.

Per le maglie si scelgono forme più classiche e lineari, il look in definitiva deve comunque essere chic, quasi elegante.

I negozietti di artigianato sono le boutique ideali.

Le borse migliori sono quelle ampie e colorate a metà strada tra una shopping bag e un borsone da mare. occhialoni e cappello ampio completano il look.

y

 

Today outfit, mi sento un po’ Lady Oscar

Today outfit, mi sento un po' Lady Oscar
Il mio outfit di oggi è molto comodo e pratico ma con un tocco rock e chic, come piace a me.
La camicia è in seta con ruches, acquistata da Diffusione Tessile, la indosso sia sui pantaloni per un look “maschile”, di tendenza anche quest’anno, molto casual ma chic, sia con gonne a tubino e vita alta, per un look più classico ed elegante, abbinandoci delle scarpe a decolletè;
Il leggings è semplice in cotone, da Tezenis;
Il bomber in vera pelle è della Guess, molto pass-par-tout, io lo adoro;
Gli stivaletti in camoscio camouflage sono Albano, comodissimi e molto di tendenza, ottimi per look da giorno casual;
La mia borsa è in vera pelle, con catene e borchie, Pulicati;
Gli occhiali con lenti a specchio sono un must have di questa stagione, i miei sono modello aviator dell’Italia Independent.

Personal shopper per un giorno, da Cinti, con Carla Gozzi, la mia esperienza.

Qualche giorno fa, navigando su facebook mi appare sulla homepage un post di Carla Gozzi, invitava tutte le personal shopper a candidarsi per essere sue assistenti nell’ultima tappa del Cinti Tour. Io non sono una personal shopper, lo faccio qualche volta per passione con amiche e parenti, decisi però di scriverle lo stesso, parlarle di me, delle mie passioni e del mio blog. Mi misi in contatto con la sua assistente, Kim, gentilissima e molto disponibile, diede un’occhiata al mio blog e, io non ci credevo, mi ha dato la conferma che sarei stata l’assistente di Carla.

La notizia mi ha resa davvero felice, era come un sogno che si avvera, anche se solo per un giorno, Carla ha un curriculum e un’esperienza davvero insuperabili, leggete stesso voi questo estratto dalla sua biografia:

Ricordo le dediche a fumetti  – che conservo ancora – di J.C: de Castlelbajac, il rigore e le silhouettes di Thierry Mugler e la sua parola icona “epoulettes”, le lavorazioni dei tessuti e i ricami di Cristian Lacroix, le forme rigorose di Calvin Klein, i materiali double di Mila Schön, le forme innovative e la ricerca di Gabriele Colangelo , le geometrie e il rigore di Yamamoto e l’artigianalità di Ermanno Scervino a Firenze, vera culla dell’arte e del made in Italy.

Inoltre è molto nota per le sue trasmissioni televisive su Real Time, sia da sola che con Enzo Miccio, insomma, io non stavo nella pelle e forse ancora non ci sto, mi sembra quasi come se fosse stato tutto un sogno, io lei e altre tre bravissime ragazze tra cui fashion blogger e personal shopper, tutte sui tacchi a dispensare consigli.

Io ho tenuto sempre le orecchie ben tese cercando di ascoltare il più possibile tutti i consigli che dava alle clienti, per imparare tutto quello che potevo, vi dispenso qualche sua pillola di stile.

Indossare un pantalone aderente sulle cosce fin sotto il ginocchio e il fondo un po’ svasato, quindi pantaloni stretti e un po’ a zampa solo alla fine, con delle scarpe col tacco, la figura sarà slanciata e quindi sfinata e allungata.

Consiglio per tutte

“Vestire sblusati fa sembrare di una taglia in meno, vestire attillati di una taglia in più.”

Consiglio per le bassine come me

Se non si è molto alte, per slanciare la figura non bisogna spezzarla nel punto vita, cioè, non va bene mettere top e pantalone di colori che contrastano troppo e spezzano appunto la silhouette, evitare soprattutto pantaloni a vita bassa, perchè spezzzando la figura in quel punto si rieschia non solo di accorciare la figura ma di sembrare con le gambe corte

Consiglio per signore di una certa età, in carne e bassine.

Mettere sempre il tacco, non c’è bisogno che sia vertiginoso, ne basta almeno un po’ giusto per correggere la postura, evitare colori troppo chiari e, se la parte superiore del corpo è sproporzionata rispetto a quella inferiore, non bisogna comprare vestiti larghissimi, bensì, prendere la taglia della parte superiore e far sistemare la gonna o viceversa.

Sfatiamo un mito

Il blu si abbina col nero e non con altri blu. 

Detto questo Carla è fantastica, non solo dal vivo è molto più bella ma è anche gentilissima, simpatica, disponibile e bravissima nel suo lavoro.

Le scarpe Cinti, poi, fantastiche. Diciamo che vedendo Carla nel Cinti Tour non avevo dubbi sulla qualità delle scarpe, però non le avevo mai provate, ieri ho avuto l’occasione di toccarle e misurarne tantissime, tutte comode, morbide, di ottimi materiali, con suole che non scivolano, tacchi che non inclinavano troppo il piede, insomma, la scarpa perfetta e in più ce ne erano per tutti i gusti, diciamo che il negozio era disposto così:

  • scarpe nere da sera, tutte luccicanti, di varie forme e modelli, sexy ed eleganti ma anche originali;
  • scarpe nere rock/pass-par-tout, andavano dagli stivaletti, al sandalo a mascherina passando per sandali asimmetrici e stivaletti open toe, per avere scarpe particolari tutti i giorni;
  • scarpe sportive, tipo sneackers, ti varie forme e colori, alcune col tacco nascosto all’interno, altre decorate con cateneo cerniere, altre completamente ricoperte di strass e poi ancora leopardate e a fantasia, per le fashion victim coi piedi per terra;
  • scarpe colorate da giorno, ballerine o ispirazione  modello maschile, oppure alte modello maryjane, nei colori più neutri come sabbia beige e rosa cipria e nei colori dell’anno, giallo, blu e tanti altri;
  • scarpe colorate da sera, dulcis in fundo, sandali gioiello di ogni forma e colore, tutti rigorosamente tempestati di strass, sia trasparenti che colorati, sexy suole blu e tacchi di ogni altezza fino a scendere alle ballerine e slippers gioiello, con punte di varie forme e vari tipi di applicazioni, dalle pailletes agli strass a grandi “spille” gioiello.

Vi lascio un po’ di foto dell’evento:

Immagine

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine